CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE

Il messaggio di Papa Francesco per la 54ma Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali, ci invita a riflettere sull’importanza della memoria per la storia personale di ognuno e per la storia dell’umanità intera. Con la scelta di questo tema, tratto da un passo del Libro dell’Esodo, Papa Francesco sottolinea come sia particolarmente prezioso, nella comunicazione, il patrimonio della memoria. Non c’è futuro senza radicamento nella storia vissuta: attraverso la memoria avviene la consegna di storie, speranze, sogni ed esperienze da una generazione ad un’altra.

Il tema della prossima Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali ci ricorda inoltre che ogni racconto nasce dalla vita, dall’incontro con l’altro. La comunicazione è chiamata dunque a mettere in connessione, attraverso il racconto, la memoria con la vita.

Ancora una volta, al centro della riflessione, il Pontefice pone la persona con le sue relazioni e la sua innata capacità di comunicare. Il Papa chiede a tutti, nessuno escluso, di far fruttare questo talento: fare della comunicazione uno strumento per costruire ponti, per unire e per condividere la bellezza dell’essere fratelli in un tempo segnato da contrasti e divisioni.

Abbiamo scelto per “raccontare” il messaggio di Papa Francesco un’immagine che evoca questa connessione, questo legame tra passato e futuro attraverso il radicamento nel presente, nella storia vissuta: un nonno tiene in braccio la nipotina raccontandole qualcosa mentre le mostra, sul far della sera, un arcobaleno. L’arcobaleno da un lato evoca l’apertura a nuovi orizzonti di speranza, dall’altro contiene in sè un riferimento al Libro dell’Esodo e alla nuova Alleanza di Dio con gli uomini.

“L’esperienza dell’Esodo – scrive Papa Francesco nel messaggio – ci insegna che la conoscenza di Dio si trasmette soprattutto raccontando, di generazione in generazione, come Egli continua a farsi presente. Il Dio della vita si comunica raccontando la vita”.

A ideare la campagna di comunicazione, SuLLeali Comunicazione Responsabile agenzia specializzata nella comunicazione di cause di valore sociale e culturale, con un approccio strategico, che individua e utilizza in maniera integrata le azioni, gli strumenti, le piattaforme, i canali e le tecnologie più adatte a far conoscere l’Organizzazione e la causa che promuove.

LogoSulleali

COMUNICATI STAMPA

24 Gennaio 2020

Il messaggio di Papa Francesco per la 54ma Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali, ci invita a riflettere sull’importanza della memoria per la storia personale di ognuno e per la storia dell’umanità intera. Con la scelta di questo tema, tratto da un passo del Libro dell’Esodo, Papa Francesco sottolinea come sia prezioso, nella comunicazione, il patrimonio della memoria. Non c’è futuro senza radicamento nella storia vissuta: attraverso la memoria avviene la consegna di storie, speranze, sogni ed esperienze da una generazione ad un’altra.

Il tema della prossima Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali ci ricorda inoltre che ogni racconto nasce dalla vita, dall’incontro con l’altro. La comunicazione è chiamata a mettere in connessione, attraverso il racconto, la memoria con la vita. Ancora una volta, al centro, c’è la persona con le sue relazioni e la sua innata capacità di comunicare.
Per dare risalto a tutto questo, Paoline e Paolini “raccontano” il messaggio del Papa con una grafica che mette in primo piano questa connessione, questo legame tra passato e futuro attraverso il radicamento nel presente, nella storia vissuta: un nonno tiene in braccio la nipotina raccontandole qualcosa mentre le mostra, sul far della sera, un arcobaleno. L’arcobaleno da un lato evoca l’apertura a nuovi orizzonti di speranza, dall’altro contiene in sé un riferimento al Libro dell’Esodo e alla nuova Alleanza di Dio con gli uomini. “L’esperienza dell’Esodo – scrive Papa Francesco nel messaggio – ci insegna che la conoscenza di Dio si trasmette soprattutto raccontando, di generazione in generazione, come Egli continua a farsi presente. Il Dio della vita si comunica raccontando la vita”.

I Paolini e le Paoline approfondiranno il messaggio del Papa il 21 aprile a Roma, in occasione del lancio della Settimana della Comunicazione e del Festival della Comunicazione 2020, eventi che si realizzano in collaborazione con Cattolica Assicurazione e il Servizio Promozione Sostegno Economico della CEI.