CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE

Una mano che scrive, trasforma via via il filo spinato in colombe che si librano in cielo, libere, a cercare orizzonti più alti, alti come la verità: sono questi gli elementi dell’immagine proposta dalle Paoline e dai Paolini per accompagnare le iniziative della Settimana della Comunicazione 2018.

Il giornalista ha una grande responsabilità sociale e politica, per questo deve comunicare correttamente. La sua mano può costruire pace, quando riporta la notizia nel rispetto della verità, quando mette in luce la complessità del fenomeno che descrive, quando verifica la fonte e cerca chiarezza senza cedere alla superficialità e all’approssimazione. Ma la sua mano può anche portare conflitto e, in contesti particolarmente delicati, persino guerra, quando scrive una notizia senza chiarirne il contesto ed esaltandone gli aspetti più scabrosi, o quando addirittura non ne verifica la fonte e diffonde un’informazione completamente falsa, le cosiddette fake news.

Il ruolo del giornalista non è neutro: è il modo in cui scrive, che determina come le notizie vengono percepite.

A ideare la campagna di comunicazione, SuLLeali Comunicazione Responsabile agenzia specializzata nella comunicazione di cause di valore sociale e culturale, con un approccio strategico, che individua e utilizza in maniera integrata le azioni, gli strumenti, le piattaforme, i canali e le tecnologie più adatte a far conoscere l’Organizzazione e la causa che promuove.

Settimana della Comunicazione 2018
LogoSulleali

COMUNICATI STAMPA

Per un’informazione vera, libera dalle fake news

24 Gennaio 2018

Una mano che scrive,trasforma via via il filo spinato in colombe che volano libere, in alto al di sopra delle fakenews: sono questi gli elementi dell’immagine proposta dalle Paoline e dai Paolini per accompagnare le iniziative della Settimana della Comunicazione, giunta quest’anno alla sua 13° edizione, che si svolgerà in tutta Italia dal 6 al 13 maggio.

A partire dal titolo del Messaggio del Papa per la 52° Giornata Mondiale della Comunicazione (13 maggio) che recita:«La verità vi farà liberi» (Gv 8,32). Fake news e giornalismo di pace, l’agenzia di comunicazione SuLLealiComunicazione Responsabile (agenzia specializzata nella comunicazione di cause di valore sociale e culturale) ha creato un’immagine che intende mettere in rilievo il ruolo del comunicatore, del giornalista che, scrivendo i suoi articoli, ha il potere di costruire pace e deve farlo, perché il modo in cui scrive determina come le notizie vengono percepite. Questo lo rende una ‘buona penna’ che è cosa ben diversa dall’edulcorare la realtà o dal negarla o dall’essere buonisti.

“In un contesto di comunicazione sempre più veloce e all’interno di un sistema digitale” il Papa ci invita a riflettere sul tema della verità, a far sì che la comunicazione diventi “luogo per esprimere la propria responsabilità nella ricerca della verità e nella costruzione del bene”: in questo la Famiglia Paolina vede il cuore della propria missione, fedeli alla volontà del loro fondatore, don Giacomo Alberione, che ci ha esortato sempre a fare “la carità della verità”.